Prende a pugni la moglie e gli agenti, arrestato

polizia_notteLite in famiglia: la donna è stata soccorsa dalla polizia mentre girava scalza in pigiama in strada. Il marito è stato sedato in ospedale

Reggio Emilia, 5 aprile 2014 – È stata trovata in lacrime, scalza e vestita con un pigiama che girovagava alle 23.30 in via Gorizia chiedendo aiuto. Una vicenda accaduta ieri sotto gli occhi degli agenti della polizia di pattuglia in zona. La donna, una cittadina egiziana di 38 anni, era fuggita di casa dopo essere stata picchiata dal marito. Una lite familiare per futili motivi, scoppiata in serata davanti agli occhi dei due figli di 10 e 12 anni. Secondo quanto raccontato agli agenti, l’uomo ha cominciato ad insultare la moglie afferrandola poi per i capelli, tirandoli violentemente e colpendola con pugni alle spalle.
La donna ha cercato di reagire chiamando il 113 e tentando poi la fuga. Il marito, però, l’ha bloccata. A distrarre il padre è stato uno dei figli, che ha permesso alla donna di scappare in strada dove è stata raggiunta dalla volante della polizia. Gli agenti hanno raggiunto la casa della donna in via Dalmazia, dove hanno trovato il marito e i figli. L’uomo ha cercato di barricarsi in una stanza, venendo poi fermato dagli agenti, verso i quali ha cercato di sferrare alcuni pugni. Dopo essere stato tratto in arresto è stato portato in ospedale perché affermava di sentirsi poco bene. Alla vista degli infermieri ha avuto un altro scatto di ira, prendendo a calci una sedia e una barella. Dopo la visita gli è stato somministrato un calmante. L’uomo, un egiziano 52enne, è arrestato per violenza privata. Nello scorso febbraio era stato denunciato dalla moglie per maltrattamenti.

Fonte: Gazzetta di Reggio