Nigeriane minacciate con la magia nera e costrette a prostituirsi

nigerianeRoma, 8 aprile 2014 – Una rete di sfruttamento di prostitute nigeriane e’ stata smantellata dai carabinieri della compagnia di Anzio nelle provincie di Roma e Asti. Ordinanze di custodia cautelare in carcere sono state notificate a 13 persone (12 nigeriane, tra cui 4 donne, e un italiano) per sfruttamento della prostituzione (anche minorile), riduzione in schiavitu’, ingresso illegale di clandestini per sfruttamento sessuale e spaccio di sostanze stupefacenti. L’indagine, coordinata dalla DDA e dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Roma, trae origine dalle dichiarazioni di una vittima minorenne, all’epoca del suo arrivo a Roma, che prima della partenza dalla Nigeria, era stata sottoposta a riti di magia nera e obbligata a sottoscrivere contemporaneamente un debito di 50mila euro, da restituire nel corso del tempo con il ricavato delle proprie prestazioni sessuali. L’organizzazione reclutava le ragazze dalla Nigeria, spesso minorenni, attraverso la mediazione di altri referenti del gruppo criminale. Le giovani donne venivano costantemente controllate e obbligate a prostituirsi tutti i giorni della settimana sotto la minaccia di maledizioni e ritorsioni sulla famiglia d’origine. Nell’operazione di questa mattina sono impiegati piu’ di 100 uomini e un elicottero del Raggruppamento di Pratica di Mare. (AGI) .