16enne sequestrata e portata in Pakistan

carabinieri4Napoli, 9 Aprile 2014 – Ha rapito una ragazzina di 16 anni e l’ha portata in Pakistan per un matrimonio combinato. L’uomo, 55 anni, anche lui pakistano, è stato arrestato ma della 16enne, nata in Italia da genitori pakistani, non si hanno più notizie. Probabilmente è ancora in Pakistan dove è stata portata a novembre quando è stata rapita ad Ariccia, un paese vicino a Roma. Il sospetto è che dietro il rapimento ci sia l’ombra di una tratta di minori.

Il rapitore, residente a Zagarolo, paese della zona dei Castelli Romani non lontano da quello della ragazza, è stato arrestato dai carabinieri della compagnia di Velletri, in collaborazione con la polizia di frontiera aerea dell’aeroporto di Fiumicino con l’accusa di sottrazione internazionale di minore e contraffazione di passaporto.

L’uomo infatti aveva falsificato il passaporto della minorenne per permetterne l’espatrio. Sulla vicenda grava però il sospetto che l’arrestato sia coinvolto in un traffico di esseri umani, in particolare di minori.

Attraverso i suoi canali di contatto internazionali, l’uomo, esponente della comunità pakistana in Italia, era riuscito a espatriare con la ragazzina e a farla sposare con un cittadino pakistano a cui era stata promessa in moglie. Le indagini dei carabinieri della stazione di Ariccia proseguono per capire l’eventuale coinvolgimento di altre persone. A denunciare la scomparsa della sedicenne nel novembre scorso erano stati i suoi genitori, entrambi Pakistani.

L’indagine, diretta dalla Procura della Repubblica di Civitavecchia, e svolta dai Carabinieri ha consentito di raccogliere gravi indizi di colpevolezza sulla scomparsa della ragazzina, a carico dell’uomo. In particolare, il 5 novembre dello scorso anno, ha acquistato in mattinata due biglietti aerei per il Pakistan, uno per lui andata e ritorno e uno a nome della sedicenne solo andata. Poi l’ha prelevata da Ariccia, all’insaputa dei genitori, e nel pomeriggio si è imbarcato con lei all’aeroporto di Fiumicino, direzione Pakistan.

I carabinieri, in collaborazione con il personale dell’ Ufficio di Frontiera, lo hanno atteso, al suo rientro in Italia, con un volo proveniente da Dubai. Nei suoi bagagli sono state trovate copie dei documenti personali della ragazza e il certificato di matrimonio da lei contratto in Pakistan nel novembre scorso. Ora è recluso nel carcere di Civitavecchia.(ANSA)