Calci e pugni alla sorella davanti al nipotino

carabinieri14Napoli, 11 aprile 2014 –  Da anni picchiava violentemente la sorella. Non esitava a sferrarle pugni e calci dinanzi al nipotino. Un orco, un bruto, che ha reso la vita impossibile ad una giovane 27enne, succube di quel fratello che l’ha umiliata senza ritegno. Al culmine dell’ennesima lite però la donna ha deciso di ribellarsi e di denunciare tutto ai carabinieri.

L’uomo, tossicodipendente, è stato fermato nella sua abitazione, dai carabinieri della stazione di Varcaturo. La giovane invece è stata medicata dai sanitari dell’ospedale Santa Maria delle Grazie di Pozzuoli per lesioni guaribile in un giorno.

Dopo 5 anni di vessazioni e umiliazioni la 27enne è finalmente libera, così come suo figlio, costretto ad assistere a scene incredibili di violenza.

di Cristina Liguori

Fonte Il Mattino