Ladri di rame in bicicletta, arrestati dai carabinieri

carabinieri rame2Sorpresi con le sacche a tracolla: giurano che contengono vestiti. Erano cavi elettrici rubati da un’azienda agricola

San Benedetto (Mantova), 15 aprile 2014 – Il look non era esattamente quello d a Arsenio Lupin. In bicicletta, di sera, con la sacca a tracolla, sembravano più due operai in viaggio per il turno di notte che due ladri. Ma i carabinieri di San Benedetto non si sono fatti incantare dall’aria dimessa dei due ciclisti serali. E hanno avuto ragione: nelle sacche c’erano cavi di rame appena trafugati da un’azienda agricola. I due, marocchini residenti a San Benedetto, uno di 32 e l’altro di 34 anni, incensurati, sono stati arrestati e già processati per direttissima. Dovranno scontare una pena, che è stata sospesa, di un anno e due mesi oltre a 200 euro di multa.
I militari di San Benedetto stavano svolgendo un servizio di controllo della zona predisposto dopo i numerosi furti messi a segno negli ultimi tempi nella zona. Così, quando hanno incrociato i due giovani maghrebini in bicicletta, hanno pensato di controllarli. Alle domande dei carabinieri hanno risposto in modo evasivo, giurando però che nelle sacche c’erano degli abiti. La forma, però, faceva pensare a qualcosa di più pesante. Li hanno convinti ad aprirli, e dentro, in effetti, c’era quello che si sospettava: cavi elettrici, che i due speravano di sbucciare per ricavarne oro rosso. La refurtiva è stata restituita al proprietario che però potrà farsene poco, perché i cavi tagliati sono praticamente inutilizzabili.

Fonte: Gazzetta di Mantova