Autista d’autobus risultava malato ma faceva il cantante: denunciato

sciopero autobusL’uomo aveva una seconda professione: si esibiva con la moglie in locali e, spesso, mandava un certificato medico all’azienda di trasporti

Roma, 17 aprile 2014 – C’è il conducente che sta al cellulare mentre guida il suo gigantesco veicolo pubblico nel traffico caotico della Capitale. Quello che fa entrare la propria fidanzata nella cabina di guida e si distrae durante il servizio. Quello che ferma il filobus e scende – lasciando i passeggeri, attoniti, a bordo, per andare a comprasi una pizza. E c’è l’autista di bus «canterino»: sì, non è un errore, Atac ha tra le sue fila anche autisti con ottime doti canore. Peccato che questa volta non si tratti di un conducente uso a fischiettare o a intonare arie liriche durante il servizio (e qui poco di male ci sarebbe, fatti salvi l’udito e la propensione melomane dei passeggeri). Perché in questo caso, l’autista non era alla guida di un mezzo dell’azienda mucipale trasporti pubblici: era in malattia. Scoperto, è stato denunciato.
Pubblicità del concerto sul web
Il conducente E.C., in effetti, cantava regolarmente – in coppia con la propria compagna – in vari locali della capitale e dei Castelli Romani. E quando i suoi impegni canori non si conciliavano con il lavoro ufficiale di autista di bus, non si faceva alcuno scrupolo a dichiararsi malato e bisognoso di cure e a giustificare con un certificato rosso, rilasciato da un medico compiacente, l’assenza dal servizio nei giorni di tournee. L’uomo, dipendente dell’Atac, è stato sorpreso dai finanzieri di Frascati a cantare di notte in un locale di Zagarolo: era stata la pubblicità su Internet dei suoi appuntamenti musicali ad attirare i sospetti degli ispettori dell’Atac, che avevano avviato accertamenti interni sul suo conto.

Fonte: Corriere della Sera