Ancora botte per l’ex miss picchiata dal fidanzato 27enne

Antonio CaliendoCaserta, 19 aprile 2014 – È stato nuovamente arrestato per molestie alla 20enne «miss» Rosaria Aprea, l’ex compagno Antonio Caliendo, 27enne di Casal di Principe (Caserta): nonostante il divieto di avvicinamento, l’uomo ha infatti nuovamente percosso la miss e l’ha anche molestata con sms.

La Squadra Mobile di Caserta gli ha notificato l’ordinanza agli arresti domiciliari con l’applicazione del braccialetto elettronico emessa dal Gip di Santa Maria Capua Vetere.

La 20enne di Macerata Campania finì gravissima all’ospedale di Caserta il 12 maggio dello scorso anno dopo che Caliendo, con il quale ha anche avuto un bimbo, le sferrò un potente calcio lesionandole la milza, che fu poi asportata dai medici. Il giovane restò in carcere fino al novembre 2013, quindi uscì per la decorrenza di termini di custodia cautelare ma nei suoi confronti fu disposto il divieto di avvicinarsi all’abitazione della vittima; prescrizione che Caliendo, ha accertato la Mobile, non ha rispettato.

Anzi il 27enne, è emerso, ha continuato a perseguitare la 20enne con continui sms presentandosi più volte a casa sua e arrivando addirittura a percuoterla; questa volta però la ragazza non ha avuto bisogno di cure mediche.

L’Aprea più volte, anche in trasmissioni televisive, si era detta disposta a perdonare l’ex compagno, anche se poi nel novembre scorso aveva invitato tutte le donne a denunciare ogni violenza subita; cosa che lei ha fatto nuovamente ponendo, forse, l’ultima parola su una relazione molto tormentata, resa impossibile dalla gelosia di Caliendo. Nel 2011 il primo episodio violento quando l’Aprea finì in ospedale a Pesaro mentre partecipava ad un concorso di bellezza; il giovane la raggiunse e la picchiò selvaggiamente.

Fonte Il Mattino