Papà porta i fiori sul luogo dove morì il figlio: multato perché fuori pista

andrea rossatoBelluno, 19 aprile 2014 – C’è una tensione dolorosa nell’aula dove si ricostruisce la morte di Andrea Rossato, il piccolo sciatore di Mestre morto il 5 marzo 2011 all’età di 10 anni in fondo al Canalone di Tofana a Cortina d’Ampezzo. Sul banco dei testimoni Mauro, il padre del bambino. La mamma, Alessandra Gerarduz, non ce l’ha fatta ad essere presente. È stato il medico a sconsigliarle di partecipare alle udienze per non aggravare una patologia cardiaca della quale soffre.

Mauro Rossato parla. Spesso il discorso inciampa in un singhiozzo soffocato, sfoga nelle lacrime. In aula non si sente volare una mosca.

Una situazione stridente, quella che impone ai difensori di chiedere le condizioni della pista, la difficoltà, le capacità sportive di Andrea. Dall’altra parte lo strazio di un padre che tre anni fa su quella pista ha perso un figlio. Lo ricorda anche il giudice Antonella Coniglio: «Non oso nemmeno pensare a quanto sia sconvolto». Lo scorso inverno l’uomo è tornato sul posto per mettere un fiore in memoria di Andrea. La polizia lo ha multato: era fuori dalla pista, in una zona vietata.
di di Simona Pacini

 

Fonte Il Gazzettino