Presi con la lista dei postamat colpiti

carabinieri69I carabinieri hanno arrestato due romeni che avevano in casa skimmer, pinze e nastro isolante. In un foglio, l’elenco dei 20 uffici postali già passati al setaccio

Treviso, 20 aprile 2014 – Presi con vari skimmer, nastro isolante, pinze e una lista con 20 obiettivi già colpiti negli uffici postali di Veneto e Friuli. Nel mirino dei carabinieri una banda di romeni, specializzata nella clonazione di carte di credito e bancomat. In manette due 20enni arrestati in flagranza di reato dopo l’ennesimo prelievo fraudolento, mentre due complici sono stati denunciati per gli stessi reati. L’operazione dei carabinieri del Nucleo operativo radiomobile di Treviso, si è compiuta nella tarda serata di venerdì quando i militari hanno stretto le manette ai polsi ai due stranieri. Li stavano osservando da un paio di giorni, da quando li avevano notati aggirarsi con fare sospetto tra gli uffici postali dislocati tra Treviso e Quinto. Venerdì il blitz, in auto i due romeni avevano alcuni skimmer, i dispositivi capaci di leggere e salvare su una memoria i dati della banda magnetica, e quindi i codici pin, di bancomat e carte di credito, che vengono applicati con biadesivo o saldati su bancomat e postamat. In tasca anche alcune centinaia di euro, provento dell’ultimo prelievo fraudolento. Nell’appartamento in cui i due vivevano, arrivati da pochi giorni nella Marca, i militari hanno scoperto due connazionali oltre ad altri skimmer, materiale per saldare e una lista con gli indirizzi di 20 uffici postali già passati al setaccio dalla banda.

Milvana Citter
Fonte: Corriere Veneto