Botte alla moglie che non vuole fare sesso, arrestato

Ticino: violenza domesticaRagusa, 20 maggio 2014 – Un bracciante agricolo di 51 anni e’ stato arrestato dai carabinieri di Ragusa per aver picchiato la moglie in varie occasioni e avere tentato di violentarla. Il Gip Claudio Maggioni, che ha emesso l’ordine di custodia cautelare agli arresti domiciliari su richiesta del sostituto procuratore Gaetano Scollo, gli ha contestato i reati di maltrattamenti in famiglia, lesioni personali, violenza sessuale, violenza privata, atti persecutori e danneggiamento continuati e pluriaggravati. Secondo quanto ricostruito fin dal 2011 l’uomo, spesso ubriaco, minacciava e offendeva la moglie, di 52 anni, anche davanti alle due figlie, una delle quali quattordicenne, la malmenava, le impediva di rientrare a casa.
Le violenze erano progressivamente aumentate, e piu’ volte la vittima ha subito traumi e ferite per per le percosse, fino a che nell’aprile scorso il marito ha cercato di costriungerla ad avere un rapporto sessuale in macchina e al suo rifiuto ha staccava lo specchietto retrovisore dell’auto e con quello l’ha colpita al volta, spaccandole il naso. La donna si era infine rifugiata in casa della cognata, e aveva sporto denuncia.
All’arrestato sono stati sequestrati una balestra con i rispettivi dardi e una carabina ad aria compressa.

Fonte AGI