Commemorati l’Appuntato Antonino Pirrone e il Carabiniere Antonio Arnoldi, caduti in servizio a Milazzo

ARMA28 Mag. – È stato commemorato a Milazzo il 42° anniversario delle Medaglie d’argento al Valor militare all’appuntato Antonio Pirrone e al carabiniere Antonio Arnoldi, caduti in servizio nella città mamertina il 24 maggio 1972. La cerimonia si è tenuta nell’ambito delle iniziative organizzate in occasione del Bicentenario della fondazione dell’Arma dei Carabinieri, ed è stata promossa dalla Sezione Carabinieri in congedo A.N.C. di Milazzo. Dopo la Santa Messa celebratasi nella chiesa del Sacro Cuore di Milazzo, ci si è spostati all’incrocio tra Via Migliavacca e via Col. Magistri, nelle vicinanze del punto esatto dove i due militari caddero in servizio e dove oggi è una lapide a loro memoria. Alla presenza della vedova dell’App. Pirrone, del Comandante Provinciale dei Carabinieri di Messina, Colonnello Stefano Spagnol, del Sindaco di Milazzo Carmelo Pino e delle locali autorità civili e militari, nonché di numerosissimi Carabinieri in congedo delle sezioni ANC di tutta la Sicilia, il Comandante della Compagnia di Milazzo, Capitano Antonio Ruotolo, ha reso omaggio ai due caduti, ricordando le motivazioni delle Medaglie d’argento al Valor militare.
I due carabinieri, entrambi facenti parte del nucleo radiomobile, sono stati uccisi da colpi di fucile esplosi da un individuo che, dopo aver gravemente ferito il capo equipaggio, aveva minacciato di raggiungere la caserma. L’appuntato Pirrone, in un ultimo disperato, generoso impulso, prima di abbattersi esanime, rifiutando il soccorso dei presenti, aveva attivato, con la radio di bordo, la centrale operativa, che attuava il necessario risolutivo intervento. Arnoldi, invece, in ospedale, prima di morire, diede ulteriore dimostrazione di elevato sentimento di cameratismo, chiedendo di conoscere la sorte del capo equipaggio, quant’altro si era verificato di grave e se il folle fosse stato assicurato alla giustizia.
Così oggi il Capitano Ruotolo li ha ricordati: “Mirabile esempio di elevato senso del dovere, eccezionale altruismo e non comuni doti militari”.

Fonte: Live24.it