Paga sedicenne per farla spogliare: operaio nei guai

carabinieri 5Mortara (Pavia), 29 maggio 2014 – A tradirlo è stata la voglia di vantarsi con i suoi amici al bar di quella “conquista”. A loro ha mostrato le foto rubate durante uno dei loro incontri non immaginando che qualcuno potesse raccontare ciò che aveva visto. In pochi giorni il pettegolezzo si è trasformato in una segnalazione ai carabinieri di Mortara che, al termine di un’indagine condotta in modo molto discreto, hanno denunciato a piede libero un operaio di 54 anni, celibe e incensurato che risiede in uno dei centri lomellini su cui ha giurisdizione la stazione di Mortara.

L’uomo sarà chiamato a rispondere di reati gravissimi come prostituzione minorile, violenza sessuale e detenzione di materiale pedopornografico. La vicenda si è consumata in poche settimane, poco dopo l’inizio dell’anno. L’uomo, amico dei genitori della ragazzina, una studentessa di 16 anni, aveva messo gli occhi su di lei. Forse contando sul grado di confiedenza, e certamente mettendo mano al portafoglio, l’aveva convinta a farsi vedere nuda. Piccole somme di denaro e le ricariche per il telefonino avevano convinto la ragazzina ad andare a casa sua per denudarsi.

Ma in quelle occasioni, all’insaputa della ragazzina, usando il telefonino l’operaio aveva “rubato” diversi scatti di quegli incontri proibiti. In almeno due occasioni – è stato accertato in seguito dai carabinieri – l’uomo non sarebbe riuscito a controllarsi e avrebbe tentato di abusare sessualmente della vittima. Una vicenda che la studentessa avrebbe deciso di non rivelare per non fare in modo che si sapesse il contesto nella quale era maturata.

Un peso difficile da sopportare, che le aveva tolto il sorriso e la gioia di vivere. Nessuno intorno a lei aveva però captato questo disagio. Forse tutto sarebbe rimasto un segreto tra i due, se l’operaio fosse riuscito a dominare la sua vanità. Invece, al bar con gli amici, ha fatto vedere le foto a qualcuno. Una mossa fatale, perché nel piccolo centro in cui abita la voce è girata in fretta e una donna è andata a riferirla ai carabinieri, i quali hanno avviato le indagini e denunciato l’uomo per gravissimi reati.

Fonte Il Giorno