Le vietano il viaggio a Londra. Studentessa tenta il suicidio

pronto-soccorsoAncona, 31 maggio – Per il viaggio negato a Londra era pronta a lanciarsi sotto un’auto in transito e per fortuna c’era lì un familiare ad afferrarla per un braccio. C’è stato trambusto ieri pomeriggio poco dopo l’una in via Flavia, dove una studentessa di origini cinesi neanche ventenne ha avuto una crisi isterica tentando di buttarsi sotto a un’auto, poco distante dalla caserma dei carabinieri. Davvero provvidenziale l’intervento di un cognato che l’ha trattenuta prima che si facesse seriamente del male. Poco prima era arrivata in lacrime in casa della sorella, raccontando disperata che a casa le avevano negato il permesso di fare un viaggio a Londra benché avesse già acquistato, senza prima dire nulla ai genitori, il biglietto dell’aereo. Sperava che la sorella potesse spalleggiarla e convincere i genitori a darle il via libera, ma anche sorella e cognato avevano cercato di farla ragionare sull’inopportunità di un viaggio comunque costoso. Così la ragazza è corsa in strada e c’è voluto l’intervento del 118 per calmarla e accompagnarla al pronto soccorso.

Fonte Corriere Adriatico