Violenza sessuale e pedofilia, adescava ragazzini su Facebook: condannato

tribunale processo giustizia1Pedofilia, prostituzione minorile, atti sessuali con minorenni e detenzione di materiale pedopornografico. Queste le accuse che hanno portato alla condanna a 4 anni e 6 mesi un uomo che era stato arrestato dai carabinieri

Brescia, 31 maggio – E’ stato condannato a 4 anni e 6 mesi di reclusione un uomo che era stato arrestato dai carabinieri della compagnia di Gardone Val Trompia per pedofilia, prostituzione minorile, atti sessuali con minorenni e detenzione di materiale pedopornografico. L’arresto ed i fatti risalgono alla fine del 2012. L’uomo, un 35enne di Sarezzo, Comune in provincia di Brescia, che adescava i minori attraverso un falso profilo facebook, nel quale si fingeva una ragazza coetanea delle sue vittime.

Il 35enne poi, facendo leva sulle confidenze intime raccolte, ricontattava i minorenni con il proprio profilo e li convinceva accettare incontri in cambio di soldi o piccoli regali, come ricariche telefoniche o sigarette. Gli appuntamenti erano fissati in parchi o parcheggi della Val Trompia, dove si sarebbero consumati anche i rapporti sessuali. Le indagini erano partite grazie ad alla madre di un 15enne, che si era rivolta ai carabinieri dopo aver scoperto le conversazioni a sfondo sessuale del figlio su facebook.

I militari, che hanno proseguito le indagini anche dopo l’arresto dell’uomo, hanno individuato cinque adolescenti vittime di abusi sessuali, tra i 13 ed i 16 anni e residenti in Val Trompia; rintracciate anche decine di potenziali vittime, altri minorenni che erano stati contattati e schedati dal 35enne.
Fonte Il Giorno