Rapinatori di giorno, in carcere di notte: flop dei controlli e polemiche

carcere22-2Napoli, 2 giugno 2014 – Due detenuti. Due giovani già arrestati, che stavano scontando una pena. Uno ai domiciliari, l’altro in semilibertà.

Dietro la drammatica rapina di sabato al market di Qualiano, ancora una volta si scatenano i dubbi sull’efficacia del nostro sistema di repressione penale. Dopo la riforma del 2010, in Campania, hanno lasciato il carcere in 1.209 detenuti, mentre nei 17 istituti penitenziari sono rimasti in 7.613, con appena 3.757 per una condanna definitiva.

Ma il sistema dei controlli deve fare i conti con dei cronici limiti d’organico tra le forze dell’ordine. Un allarme che, nella sola provincia di Milano, è a livelli di guardia. Per ogni detenuto, c’è una probabilità di controllo ogni 17 giorni.

di Gigi Di Fiore
Fonte Il Mattino