Studentessa si suicida, indagati i genitori

ambulanza municipaleForlì, 25 Giu. – Si è tolta la vita lo scorso 17 giugno buttandosi dal tetto del suo liceo di Forlì. A otto giorni dalla sua morte, i genitori sono indagati per maltrattamenti in famiglia e istigazione al suicidio.  Secondo quanto riporta la stampa locale, l’iscrizione nel registro degli indagati si baserebbe sulle parole scritte dalla sedicenne prima di morire. Sul tetto del liceo da cui si è buttata, la studentessa ha lasciato uno zainetto con dentro la lettera in cui ha spiegato le ragioni del gesto. Nel testo la ragazza avrebbe descritto la sua quotidianità e – secondo la stampa locale – il disagio familiare, compreso l’ultimo litigio con i genitori al termine del quale alla giovane, era stato comunicato il divieto di proseguire gli studi in Cina come avrebbe voluto.     Nei giorni scorsi gli inquirenti hanno perquisito a lungo la casa della famiglia della sedicenne prelevando computer e altri scritti. Presunte violenze psicologiche subite dalla studentessa avrebbero fatto scattare l’ipotesi di maltrattamenti in famiglia mentre due minacce di suicidarsi da parte della figlia, a quanto pare inascoltate, avrebbero configurato l’ipotesi di istigazione al suicidio. –
Fonte: RaiNews