un fiume di droga in un ovile Blitz dei carabinieri: cinque arresti

sondaggio-drogaLoculi, 25 Giu. – Circa 50 chilogrammi di marijuana, qualche “assaggio” di eroina e 124 mila euro in contanti hanno portato all’arresto di cinque persone, in un ovile nelle campagne di Loculi, da parte dei carabinieri della Compagnia di Siniscola. L’operazione è stata effettuata dai militari della in collaborazione con i colleghi dello Squadrone Cacciatori di Sardegna. I cinque fermati dovranno rispondere di detenzione e spaccio di quantità ingenti di sostanze stupefacenti.

Le indagini sono iniziate nel 2009. Durante una perquisizione nell’abitazione di Giovanni Mercurio, 50 anni di Loculi, i carabinieri recuperarono nel giardino 267mila euro. L’uomo non riuscì a giustificare il perché avesse tutti quei soldi. Da quel momento i militari di Siniscola hanno tenuto sotto controllo Mercurio, notando nei giorni scorsi dei movimenti sospetti nella sua azienda. Martedì la decisione di effettuare un blitz. I 50 chili di marijuana erano appena arrivati su un camper “scortato” da un’auto: le due persone alla guida dei mezzi, Giuseppe Arena (37 anni di Arosio) e Silvio Palmieri (42enne di Limbiate) erano sbarcati in Sardegna da poco. Nell’azienda ad attendere il carico di droga, secondo la ricostruzione dei carabinieri, c’erano Mercurio, Roberto Mura (29 anni di Loculi) e Matteo Pinna (42enne di Samassi). Le cinque persone sono state fermate (Palmieri sulla sua auto è stato rintracciato in un’area di servizio sulla statale 131) dai carabinieri. Oltre alla droga sono stati sequestrati 124mila euro: nascosti sotto un masso di granito, quasi certamente servivano per pagare il carico di marijuana. I cinque sono finiti direttamente in carcere.

“I cinque – ha spiegato in una conferenza stampa il capitano della Compagnia di Siniscola, Andrea Senes – gestivano un grosso traffico di stupefacenti fra l’Albania, la Lombardia e la Sardegna. Nelle prossime settimane sarebbe dovuto arrivare un carico di 15-20 Kg di eroina”. I carabinieri hanno fatto scattare il blitz dopo 40 giorni di appostamenti vicino all’ovile di Mercurio. In qualche occasione i militari, dopo vari appostamenti, avevano sorpreso Mercurio assieme a Giuseppe Arena, spacciatore fra la Lombardia, la Calabria e l’Albania.
Fonte: unioneSarda