Coniugi uccisi nel Salento: no perizia psichiatrica per fermato

giustizia processoLecce, 27 giugno 2014 – Il giudice per le indagini preliminari di Lecce Antonia Martalo’ ha rigettato la richiesta di perizia psichiatrica avanzata dall’avvocato di Vincenzo Tarantino, 51enne di Avetrana (Ta) fermato mercoledi’ con l’accusa di avere assassinato i coniugi Luigi Ferrari e Antonella Parente (54 e 55 anni) nella loro abitazione di Porto Cesareo. La sollecitazione era stata avanzata dal legale nel corso dell’udienza di convalida del fermo di polizia giudiziaria disposto dai carabinieri con le ipotesi di rapina e omicidio volontario, aggravato dall’efferatezza e dai futili motivi. Il giudice Martalo’ ha ritenuto che, al momento, non sia necessario verificare quali siano le condizioni mentali di Tarantino ne’ quali fossero al momento in cui ha commesso il duplice omicidio. Per il gip e’ valido il provvedimento di fermo, che e’ stato convalidato, e l’uomo deve restare detenuto in carcere.

AGI