Uccide i suoi 15 cani e li lascia morti nel cortile: «Disturbavano i vicini di casa»

caneOristano, 28 giugno 2014 – Una vera e propria strage di cani, avvenuta questa notte a Nurachi (Oristano).

Appartenevano a un allevatore di 80 anni che, stanco delle proteste dei compaesani per le scorribande dei suoi animali, ne ha ucciso una quindicina e li ha lasciati nel cortile della sua abitazione alla periferia del paese lungo la strada per Cabras.

Le proteste e l’indignazione hanno trovato subito spazio sui social network e già ieri notte sono intervenute le guardie zoofile dell’Enpa. Questa mattina all’alba, i cani erano ancora lì. Qualcuno li ha fatti coprire con un lenzuolo bianco ma ora ancora non è chiaro chi debba intervenire e come, per seppellirli da qualche parte o comunque «smaltirli» in conformità alla norme sanitarie. Il responsabile della strage questa mattina ha spiegato che era esasperato per le continue proteste e che non sapeva più che fare.

Fonte Il Messaggero