Schulz rieletto presidente del Parlamento europeo

martin_schulzStrasburgo, 1 luglio 2014 – Gli eurodeputati hanno confermato alla presidenza del Parlamento europeo il socialdemocratico tedesco, Martin Schulz. Il voto a scrutinio segreto ha confermato l’elezione di Shulz senza problemi, a suo favore al primo scrutinio sono andati ben 409 voti, ben superiori alla maggioranza necessaria per essere eletto.

Gli eurodeputati votanti sono stati 723 (il totale e’ di 751).
 Tenendo conto delle schede nulle, la maggioranza assoluta necessaria per l’elezione del presidente del Parlamento era di 307 voti. Schulz l’ha ampiamente superata, prendendo 409 voti.
  La somma dei voti di popolari, socialdemocratici e liberali, cioe’ i tre gruppi che sostengono Schulz, e’ tuttavia di 479.
  Qualche eurodeputato potrebbe essere venuto meno alla disciplina di partito nel segreto del voto. Ci sono state comunque anche 111 schede nulle o bianche.

Il totale dei voti validi e’ stato quindi di 612. Il candidato dei conservatori (Ecr) Sajjad Karim ha preso 101 voti. Ecr in totale ha 70 seggi, ma poteva contare sul sostegno del gruppo Efdd di Nigel Farage e Beppe Grillo, che conta a sua volta 48 eurodeputati.
  Al candidato della sinistra europea, Pablo Iglesias, e a quella dei verdi, Ulrike Lunacek, sono andati 51 voti ciascuno.

AGI