«Se la conosci devi vergognarti»

SweetieL’immagine di Sweetie è stata presente, per oltre due mesi, in moltissime chat sul web: tutto è stato visionato dai membri di Terre des hommes e i risultati raccolti sono impressionanti, allarmanti.

Roma, 1 luglio 2014 – Si chiama Sweetie, ha le fattezze di una bambina filippina di dieci anni e come una bimba ragiona e interagisce. Ma non è reale: è un modello digitale utilizzato sulle chatroom per ‘adescare’ pedofili e pervertiti vari. L’iniziativa è della divisione olandese di Terre des hommes, un’organizzazione si lotta per i diritti dei minori.

L’immagine di Sweetie è stata presente, per oltre due mesi, in moltissime chat sul web: tutto è stato visionato dai membri di Terre des hommes e i risultati raccolti sono impressionanti, allarmanti.

 

La bimba virtuale è stata contatta la bellezza di 285 volte al giorno da molestatori sessuali, che hanno espresso esplicitamente interesse sessuale nei suoi confronti. In moltissimi hanno chiesto a Sweetie di accendere la webcam per vederla nuda: ancora più persone le hanno offerto una ricompensa per vederla senza vestiti e compiere atti osceni in maniera virtuale.

Fonte Il Gazzettino