Braccia aperte e hotel al profugo, ma lui si mette a spacciare droga, a processo

carabinieri 4FELTRE (BL), 2 luglio 2014 – Era arrivato nel maggio del 2011 a Feltre dalla Libia, con altri profughi, il 32enne liberiano che al Tribunale di Belluno è finito a processo per droga. Da allora era stato ospitato in strutture di coop benefiche, per lui era stata fatta anche una raccolta fondi (visto che nel 2013 era scaduta la convenzione con la Prefettura), e aveva vissuto con altri profughi in hotel in via Rizzarda.

Proprio in quell’albergo nel maggio del 2013 i carabinieri, che lo arrestarono, trovarono 144 dosi di marijuna e il giovane profugo, vicino alle scuole con 4500 euro in tasca. Ora sarà giudicato con il rito abbreviato.

Fonte Il Gazzettino