Carne al veleno uccide cucciolo di cane L’ultimo di tanti i casi

caneIseo (Brescia), 4 luglio 2014 – Rolf, un meraviglioso cucciolotto di Pastore “Bovaro del Bernese” di appena due anni non ce l’ha fatta. Un boccone killer lo ha portato via ai suoi proprietari: una famiglia di Iseo composta da papà, mamma, una figlia e due sorelline in arrivo. «Tutto è accaduto una decina di giorni fa – spiega il proprietario Andrea – come tutte le sere siamo usciti a passeggio con Rolf e ci siamo diretti in via per Rovato, lungo la pista ciclabile. All’altezza della località Spiaggetta, ma non nella proprietà del lido dove i cani sono bene accetti, Rolf si è gettato in un cespuglio pur essendo al guinzaglio. Quando è uscito ho visto che stava mangiando qualcosa simile a una polpetta. Non sono riuscito a fermarlo. Ho sperato che non si trattasse di nulla di pericoloso».

Il cane ha cominciato a stare male nel giro di pochi minuti. «Non abbiamo fatto nemmeno a tempo a portarlo dal veterinario – racconta Andrea – ha avuto spasimi e convulsioni fino a quando il suo cuore si è fermato. Lo abbiamo visto morire. È stato tremendo: Rolf era uno di famiglia, un cagnolone speciale».

Nei giorni successivi Andrea ha appeso diversi avvisi in cui metteva in guardia i padroni dei cani che frequentano la zona tra la “Spiaggetta” e i campeggi. «Non so chi sia stato – dice – ma bisogna prestare attenzione. So che tanti padroni sono maleducati e non puliscono quando i loro cani sporcano. Ma non devono andarci di mezzo gli animali, che non hanno nessuna colpa».

A Iseo non è la prima volta che qualcuno sparge bocconi avvelenati. Qualche anno fa ignoti avevano gettato polpettine ripiene di topicida in parchi e per le strade del paese. Il problema, nella zona, è annoso, dunque. Recentemente sono stati segnalati avvelenamenti anche a Sulzano, Marone e Gussago. I cani che sono stati male sono molti e alcuni quelli che non ce l’hanno fatta.

Fonte: Il Giorno