Topo nel sacchetto delle patatine, il giudice assolve l’azienda

topo patatineSPINEA, 4 Luglio – Il topo non poteva essere stato fritto assieme alle patate. Doveva necessariamente essere finito nella busta del “Country Pizza” in un momento successivo, quando era già morto. È stata una perizia a Padova, a smontare le accuse nei confronti dell’amministratore della società “Bag Snacs srl” di Galliera Veneta e della responsabile del controllo dei prodotti messi in commercio. Il giudice li ha assolti entrambi.

La vicenda risale a maggio del 2012 quando una ragazza di Spinea era stata colta da malore ed era finita all’ospedale dopo aver trovato un roditore topo nel sacchetto delle patate fritte. 

Fonte: Il Gazzettino