L’italiano scomparso in Libia è stato rapito

ImmagineDell’ingegnere Marco Vallisa non si hanno più notizie da sabato mattina

Roma, 6 luglio 2014 – Il ministero degli Esteri italiano conferma che Marco Vallisa, l’ingenere italiano scomparso in Libia a Zuwara sabato, è stato rapito. Finora non c’è stato alcun contatto con i rapitori, ma “tutti i canali sono stati attivati” per le ricerche. Assieme a Vallisa sono scomparsi due colleghi dell’azienda italiana Piacentini Costruzioni, che lavoravano con lui in Libia, il bosniaco Petar Matic e il macedone Emilio Gafuri.
Il sequestro era stato confermato anche da un funzionario del governo libico, citato dall’emittente satellitare al Arabiya. Il veicolo sul quale viaggiavano i tre è stato ritrovato a Zuwara, a ovest di Tripoli, abbandonato con le chiavi ancora infilate nel quadro del cruscotto. Marco Vallisa, 53 anni, è originario di Cadeo, un paese a una quindicina di chilometri da Piacenza.

Fonte Il Tempo