Ragazzi perdono la marijuana davanti ai carabinieri: denunciati

marijuanaSACILE, 08 Luglio.- (Immagine di repertorio)- Giravano con le biciclette rubate in stazione e con qualche grammo di marijuana. Quattro ragazzi sono stati denunciati alla procura della Repubblica dei minori di Trieste per ricettazione e segnalati alla prefettura quali assuntori dai carabinieri della Compagnia di Sacile.

A loro sono risaliti grazie alla segnalazione di un padre di famiglia che li aveva notati in giro per la città con la bicicletta rubata da poco a suo figlio; il giorno dopo, altri due si erano presentati in caserma denunciando il furto del loro mezzo a due ruote sparito dalla stazione ferroviaria.

La vicenda aveva preso le mosse giovedì scorso – ed è stata resa nota ieri a conclusione degli accertamenti – quando un padre di famiglia stava transitando in un paese del Sacilese (omettiamo particolari a tutela dei minori coinvolti) e aveva notato alcuni ragazzi in bicicletta: uno di questi, in particolare, si trovava in sella al mezzo del figlio. «Gli è stato rubato poche ore fa», aveva appena denunciato ai carabinieri.

L’uomo aveva chiamato il 112 e cercato di seguire i movimenti dei quattro giovani (alcuni dei quali, poi, sono risultati essere già stati attenzionati dai militari dell’Arma). I quattro, però, pur non essendosi accorti dell’uomo, nel frattempo avevano preso la loro strada. I carabinieri, tuttavia, pochi minuti li avevano già bloccati.

«Quella bicicletta è di mio figlio», ha subito indicato a colpo di sicuro il padre. E proprio mentre avveniva il riconoscimento, a uno dei quattro è “caduta” una bustina a terra. Una disattenzione o un gesto volontario sperando di non essere notato? Non sono escluse né la prima né la seconda ipotesi. A raccogliere la bustina è stato un carabiniere: all’interno c’erano due grammi di marijuana.

I quattro ragazzi sono stati portati nella caserma della Compagnia, al comando del capitano Pier Luigi Grosseto, per il riconoscimento e il riaffidamento ai genitori. Proprio mentre venivano espletate queste operazioni, in caserma si erano presentati due pendolari, con il medesimo obiettivo, quello di sporgere denuncia di furto della loro bicicletta, parcheggiata alla stazione ferroviaria di Sacile. Con loro grande sorpresa, anche questo caso è stato subito risolto: il gruppetto di ragazzi aveva pure quelle due biciclette.

I quattro sono stati denunciati alla procura dei minori di Trieste per l’ipotesi di reato di ricettazione e segnalati alla prefettura quali assuntori. Risiedono nell’hinterland pordenonese e, come ricostruito dai carabinieri, prendevano il treno in città per scendere a Sacile, dove scorazzare, e magari fumare qualche spinello, con le biciclette a portata di mano, prese illecitamente, nella stazione ferroviaria della città del Livenza.
Fonte: Messaggero Veneto