Immigrati: neonato morto gettato in mare

neonato nero1Ragusa, 11 Luglio. – Fra i 298 profughi arrivati lunedì pomeriggio nel Porto di Pozzallo (Ragusa), compresi 49 donne e 53 minori, quasi tutti provenienti dal centro Africa, una donna è ricoverata da due giorni all’ospedale “Maggiore” di Modica: avrebbe partorito in mare, a bordo del barcone, ma risulta sparito il neonato.

Secondo quanto riferito agli inquirenti da alcuni testimoni, la donna, al settimo mese, dopo avere dato alla luce il piccolo, lo avrebbe sentito piangere ma le sarebbe stato tolto. A quel punto le avrebbero detto che era morto, convincendola  a disfarsi del corpicino, gettandolo in mare. La donna in quei frangenti sarebbe svenuta. L’unica cosa che ricorderebbe, secondo quanto ella stessa avrebbe

 riferito, sarebbe il tentativo di attaccare il bambino al seno per allattarlo. La polizia di Ragusa sta cercando di verificare il racconto, anche allo scopo di individuare chi materialmente potrebbe avere gettato in mare il corpicino. La donna ricorderebbe, infatti, molto poco dell’accaduto.

Fonte: Repubblica