“I terroristi rossi hanno fatto solo 130 morti. Appartengono alla storia gloriosa del proletariato” Nuove Br, il delirio radiofonico dell’ideologo

alfredo davanzo brDai microfoni di radio Blackout Alfredo Davanzo spiega il suo programma: “I terroristi rossi hanno fatto solo 130 morti. Appartengono alla storia gloriosa del proletariato”

Torino, 12 Luglio. – Davanzo, di nome e di fatto. Quel che resta della tragica stagione dell’eversione ricompare come uno spettro sulle onde di una radio torinese. AlfredoDavanzo, ideologo riconosciuto delle Nuove Brigate Rosse, organizzazione che ambiva a prendere l’eredità della cosiddetta Seconda posizione, dopo la sconfitta del Partito comunista combattente resuscitato da NadiaDesdemona Lioce e dai suoi compagni, è stato ospite lo scorso 7 luglio di Radio Blackout, storica emittente dell’antagonismo nostrano: “Finalmente in libertà dopo la lunga detenzione seguita agli arresti del 12 febbraio 2007, nell’ambito della cosiddetta operazione Tramonto. Con lui si è parlato di terrorismo, di carcere, e di prospettive rivoluzionarie”, come si legge sul sito internet. Come racconta Giacomo Amadori su Libero di oggi, sabato 12 luglio, nel darne per primo la notizia, Davanzo, condannato in appello a 9 anni (nel giorno della condanna, dalla gabbia del tribunale, in nome della “giustizia proletaria” minacciò di morte Pietro Ichino), con l’accusa di essere stato la mente del Partito comunista politico militare, il Pcp-m, dopo 7 anni e 3 mesi, per buona condotta, è tornato in libertà. E dalle frequenze di Radio Blackout si lancia in un vero e proprio delirio in cui spiega “quanto è bella la lotta armata” e afferma: “I terroristi rossi hanno fatto solo 130 morti. Appartengono alla storia gloriosa del proletariato”. Aggiacciante.

ASCOLTA LA TRASMISSIONE

Fonte: Lo Spiffero