Gatto decapitato e mostrato sul web. Dall’Italia l’indagine che incastra i quattro seviziatori svedesi

polizia postaleGrazie alla denuncia presentata alla Polizia Postale da Fulvia Fois  e al lavoro degli investigatori dell’Interpol, è stato possibile risalire agli autori dell’orribile decapitazione del gattino
Rovigo, 13 luglio 2014 – La tenacia e la rabbia di un’avvocatessa polesana hanno consentito di individuare e denunciare a piede libero gli autori delle barbare sevizie inferte a un gattino, riprese via cellulare e immesse sul web.

Grazie alla denuncia presentata alla Polizia Postale da Fulvia Fois, titolare di uno studio legale a Rosolina, e al lavoro degli investigatori dell’Interpol, è stato possibile risalire agli autori dell’orribile decapitazione del gattino.

Si tratta di quattro giovani residenti in Svezia, di età compresa tra i 17 e i 21 anni, che ora sono stati denunciati a piede libero e dovranno rispondere della violazione delle norme che in quel Paese regolano il maltrattamento di animali.

Il video che avevano pubblicato su Facebook li ritraeva trionfanti con in mano la testa decapitata del micio e il coltello ancora sanguinante.

di Lorenzo Zoli

Fonte Il Gazzettino