Terrorismo, il sottosegretario Minniti: anche in Italia quello jihadista è un pericolo concreto

terrorismoRoma, 13 luglio 2014 – «Attenzione» alta in Italia «all’estremismo antagonista» sulle «rivendicazioni ambientaliste, sul diritto al lavoro e alla casa». La lancia il sottosegretario ai servizi Marco Minniti sottolineando «la potenzialità dell’eversione di matrice anarco-insurrezionalista» capace di «infiltrare manifestazioni di dissenso, come la mobilitazione No Tav». Minniti, in un articolo che apparirà sulla rivista Italiani europei, diretta da Massimo D’Alema, spiega che non vanno «sottovalutate» le potenzialità dell’eversione di matrice anarco-insurrezionalista, in grado di connotare «per il ricorso alla violenza» le rivendicazioni ambientaliste, per il diritto al lavoro e alla casa.

Il sottosegretario ai servizi sottolinea, inoltre, il ruolo dell’intelligence economico-finanziaria chiamata a confrontarsi «con una minaccia in grado di influire negativamente sulle prospettive di ripresa e crescita del nostro paese». Importante per l’Italia, in un mondo sempre più globalizzato, anche la sfida della «cybersecurity».

Cala, invece, la minaccia brigatista: «La situazione di disagio sociale – fa sapere Minniti – non sembra in grado di attribuire nuova linfa a progetti eversivi di stampo brigatista, tuttora perseguiti da ristretti circuiti dell’estremismo marxista-leninista».

Fonte Il Messaggero