Cagnolina seviziata a morte, ipotesi su un giro di cocaina

image (1)Riccione, 12 agosto 2014 – Intorno alla morte di Gina, la cagnolina Jack Russell Terrier di 10 anni, colpita con un forcone, poi infilata in un sacco e alla fine data alle fiamme, la Procura vuole vederci chiaro. Qualcosa non convince gli investigatori dei carabinieri di Riccione e la morte della cagnolina potrebbe essere legata ad un giro di sostanze stupefacenti. La cagnolina apparteneva ad un’amazzone milanese che ha sporto denuncia contro il suo fidanzato, un cavaliere bergamasco di 33 anni, entrambi a San Giovanni in Marignano per un concorso ippico internazionale. Secondo la ricostruzione della giovane, nella notte fra giovedì e venerdì della scorsa settimana, il fidanzato – dopo un diverbio – aveva minacciato di uccidere Gina. Particolare confermato ieri ai carabinieri da un testimone. La cagnetta poi è stata ritrovata in fin di vita in un sacco. Lo stesso sacco che i carabinieri hanno messo sotto sequestro. I dubbi restano sul fidanzato della ragazza che stando alle informazioni raccolte dagli investigatori farebbe uso di cocaina. Droga che però non è stata rinvenuta durante le perquisizioni.

Fonte Il Messaggero