Tornado caduti, Aeronautica conferma: trovato il corpo di Mariangela Valentini

Mariangela ValentiniAscoli Piceno, 23 agosto 2014 – Sono stati ritrovati, in località Poggio Anzù i resti degli ultimi due piloti morti nello scontro fra i due Tornado dell’Aeronautica avvenuto nei cieli di Ascoli il 19 agosto. Si tratta del capitano navigatore Paolo Piero Franzese e di Mariangela Valentini, l’unica donna del gruppo dei quattro piloti militari. Ancora da trovare la seconda scatola nera.

Il corpo del capitano pilota Valentini è stato individuato nella notte di venerdì: sabato mattina la conferma dell’Aeronautica militare.

Nel pomeriggio di venerdì erano stati recuperati i resti del capitano navigatore Paolo Piero Franzese, che faceva parte dello stesso equipaggio di Mariangela Valentini.

Il capitano pilota Alessandro Dotto e il capitano navigatore Giuseppe Palminteri formavano invece l’equipaggio dell’altro velivolo e per questo sono stati trovati nella stessa area, a 800 metri di distanza l’uno dall’altro.

Si cerca la seconda scatola nera – Mentre una prima scatola nera è stata trovata giovedì tra Tronzano e Casamurana, non c’è al momento nessuna traccia della seconda ritenuta indispensabile (assieme a testimonianze, rottami, tracciati radar e dialoghi radio) per capire che cosa sia successo. Al momento le ipotesi più probabili appaiono quelle di un errore umano o un’avaria.

La Procura di Ascoli Piceno intanto ha inviato i carabinieri alla base militare di Ghedi (Brescia) per acquisire la testimonianza del colonnello Andrea Di Pietro, il comandante del Sesto stormo dell’Aeronautica militare, di cui facevano parte i quattro piloti morti. I militari hanno anche sequestrato i piani di volo e tutti i documenti sui due aerei, compresi i libretti di manutenzione.

Aeronautica: “Tornado non dovevano essere nella zona dello scontro contemporaneamente” – Tra i molti punti da chiarire, l’unica cosa certa sembra essere che i due velivoli, impegnati in missioni diverse, con compiti diversi, non dovevano essere nella zona dello scontro “contemporaneamente – spiegano fonti dell’Aeronautica – alla stessa quota e allo stesso orario”.

TGCOM

A.L.