Il siriano che vive a spese del Comune: 2.500 euro al mese ma era intestatario di proprietà immobiliare

comune-di-padovaDal 2012 ospitato con moglie e 4 figli in varie strutture a carico dell’amministrazione. Il costo: 71.310 euro. Poi
si scopre che era intestatario di una proprietà immobiliare

PADOVA, 27 agosto 2014 – La matematica non è un’opinione, ma a volte i numeri messi in fila e ben letti un’opinione la suscitano. 71.310 euro spesi in 890 giorni fanno la bella somma di quasi 81 euro al giorno. Tanto quanto una camera doppia in un dignitoso hotel di centro città. E fanno 2480 euro al mese. A spendere questa non irrisoria cifra è stato il Comune di Padova per ospitare dal 2012 ad oggi U.N., siriano, poco più che quarantenne e la sua famiglia, moglie e 4 figli.

Sgomberato all’inizio del 2012 da una casa perché moroso, è stato prima ospitato in una Comunità, concluso il periodo stabilito e dimostrando di essere nullatenente, e soprattutto in presenza di 4 ragazzini, in un albergo per arrivare alla fine ospite in una cooperativa. Ma oggi il Comune di Padova al quarantenne siriano chiede il pagamento di 71.310 euro: sembra accertato che U.N. sia stato per tutto questo periodo anche intestatario di una proprietà immobiliare fino ad oggi sconosciuta perché affidata a terzi, e non abbia neppure mai onorato l’impegno a copartecipare alla spesa per il soggiorno suo e della sua famiglia.

di Daniela Boresi
Fonte Il Gazzettino
A.L.