Lagarde indagata per negligenza: “Non mi dimetto”

lagarde_2572941bIndagata nell’inchiesta sull’arbitrato tra Tapie e Credit Lyonnais

27 agosto 2014 – Il direttore generale del Fondo Monetario Internazionale, Christine Lagarde è stata ufficialmente incriminata per la vicenda dell’arbitrato tra l’uomo d’affari Bernard Tapie e la banca Credit Lyonnaise, all’epoca in cui lei era ministro delle Finanze in Francia.

L’affaire Tapie
L’indagine è concentrata su lei e sul suo ex capo staff e sul loro ruolo nel pagamento di 400 milioni di euro a Tapie, nell’arbitrato tra il manager e la banca sulla vendita di Adidas nel 1993. I giudici francesi vogliono capire cosa ha portato alla decisione di ricorrere all’arbitrato e se questa sentenza è stata una “farsa”. Inoltre, i giudici vogliono capire quale ruolo abbia giocato Christine Lagarde nell’autunno del 2007, quando preferì un arbitrato, vale a dire giustizia “privata”, invece che la giustizia del diritto comune.

“Non mi dimetto”
Lagarde ha escluso ogni ipotesi di rassegnare le dimissioni dall’Fmi: “”No. Torno a lavorare a Washington da questo pomeriggio”, ha detto Lagarde alla France Presse.

Il precedente Strauss-Kahn
Lagarde è succeduta alla guida del Fondo Monetario al connazionale Dominique Strauss-Kahn, travolto da uno scandalo a sfondo sessuale: era stato accusato di aver violentato una cameriera del Sofitel a Parigi.

Fonte Rainews
A.L.