Laser e accendini pericolosi, controlli della Polizia Municipale, tre denunce

laser
Rimini, 12 Sett. – La scorsa settimana, gli agenti della Polizia Municipale di Viserba si sono concentrati sul contrasto alla diffusione di prodotti pericolosi per i consumatori, controllando la merce in vendita in dieci  negozi di bigiotteria.

I controlli hanno portato alla denuncia di tre commercianti, titolari di altrettanti negozi, per violazioni al codice del consumo e si è proceduto al sequestri di decine di prodotti di vario genere ritenuti pericolosi.

L’attività si è focalizzata sui puntatori laser e su accendini di varia forma e dimensione, che riproducono oggetti o soggetti di fantasia, la cui vendita è vietata per specifiche disposizioni ministeriali. Questa merce, molto diffusa sul mercato soprattutto durante la stagione estiva, risulta infatti particolarmente attrattiva soprattutto per i bambini, che sono anche i soggetti esposti al maggior rischio dovuto dall’utilizzo dei prodotti. Gli oggetti privi di qualsiasi confezione o istruzioni in lingua italiana, possono infatti causare lesioni al consumatore. Tra i prodotti sequestrati anche degli accendini che provocano scariche elettriche a chi li utilizzata.

La Polizia Municipale ha infine provveduto a segnalare i commercianti ai competenti organi per sospetti fenomeni di elusione/evasione fiscale.

Questi servizi – precisano l’assessore alle attività economiche Jamil Sadegholvaad e il comandante della Polizia Municipale Vasco Talentioltre a rientrare nella complessa attività di contrasto all’abusivismo commerciale, sono mirati principalmente a tutelare il consumatore. E’ importante che i cittadini al momento dell’acquisto verifichino che il prodotto presenti una completa etichettatura in lingua italiana, dove siano riportate anche le necessarie istruzioni per l’uso. Particolare attenzione va riservata a beni come i giocattoli, i prodotti tessili e quelli di elettronica di consumo. Invitiamo quindi i cittadini a segnalarci i casi sospetti in modo da attivare i necessari controlli“.

Fonte: AltaRimini

lc