Eredita’ di Alberto Sordi: procura chiede processo per dieci

alberto_sordi_10_anni_morte_645Roma, 15 settembre 2014 – Dieci persone rischiano di finire sotto processo a Roma per il presunto raggiro compiuto ai danni di Aurelia Sordi, la 96enne sorella del popolare attore Alberto, da tempo in condizioni di infermita’ mentale e fisica. Il pm Eugenio Albamonte ha firmato oggi la richiesta di rinvio a giudizio accusando di circonvenzione di incapace l’autista della signorina Sordi nonche’ ‘factotum’ Arturo Artadi Gardella, il notaio Gabriele Sciumbata e due avvocati (un civilista e un penalista). Di ricettazione devono rispondere, invece, sei dipendenti della villa che avrebbero beneficiato di corpose donazioni da parte della donna per migliaia di euro nel 2012. L’inchiesta ha preso il via nel febbraio del 2013 dopo una segnalazione del direttore della Banca Popolare di Sondrio di via Cesare Pavese che trovo’ sospetto il fatto che l’autista, in virtu’ di una delega datagli dall’anziana donna, potesse avere poteri illimitati sulla gestione dei beni patrimoniali della famiglia Sordi che ammontavano ad alcuni milioni di euro.

AGI
A.L.