Cadavere in mare recuperato dalla Capitaneria, indagini in corso

guardia-costieraVIAREGGIO, 16 settembre 2014 – Il corpo di un uomo tra i 45 e i 50 anni, in parziale stato di decomposizione con indosso solo il costume, è stato recuperato in mare dal personale della Capitaneria di Porto di Viareggio. Galleggiava al largo a circa 300 metri dalla costa all’altezza della spiaggia della Lecciona.
Ad avvisarlo un pescatore che ha dato immediatamente l’allarme: da qui l’intervento di recupero da parte della Capitaneria. L’identità del morto resta, per ora, un mistero come pure le circostanze del decesso.
Il cadavere è stato portato alla banchina della sede distaccata della guardia costiera di Viareggio da una motovedetta. Da un primo esame è stato confermato che si tratta di un uomo, che era in costume da bagno, carnagione scura. Dallo stato di parziale decomposizione del corpo si presume che l’uomo sia rimasto in acqua per almeno un giorno se non due.
Il corpo è stato portato presso l’obitorio dell’ospedale Versilia dove nel pomeriggio di oggi martedì 16 settembre oltre ai militari della capitaneria di porto di Viareggio si recheranno anche gli uomini del commissariato di polizia che stanno collaborando per l’identificazione dell’uomo. La capitaneria di porto conferma che al momento non ci sono denunce di scomparsa, ma ha esteso le ricerche anche nelle province di Massa e Pisa oltre ovviamente all’intera provincia di Lucca.

Fonte il Tirreno
A.L.