Il topo rosicchia la pensione, anziana rimborsata dalla Banca d’Italia

topoLIVORNO, 16 settembre 2014 – “Topi d’appartamento”, si usa dire quando i ladri si intrufolano nelle abitazioni per arraffare soldi e oggetti preziosi. E questa, al giorno d’oggi, non è purtroppo una novità. Ma in questo caso, i topi “a caccia di denaro” erano ratti veri e propri, che hanno rosicchiato la pensione di un’anziana signora per l’ammontare di 560 euro. Incredibile ma vero.
E’ accaduto nei giorni scorsi a un’anziana livornese che abita in via della Prugnoliccia a Montenero. Come consuetudine la donna si era recata alle poste a ritirare la pensione: tornata a casa, ha sistemato i soldi in una vecchia scatoletta in metallo posta nel cassettone della camera da letto, anni addietro solo contenitore per biscotti. Non una vera e propria cassaforte di ultima generazione, a tal punto che un topo è riuscito ad entrarvi e, a quanto pare particolarmente affamato, ha cominciato a rosicchiare le banconote presenti in tagli da 20 e 100 euro. Un pasto atipico, che avrebbe anche potuto completarsi se la pensionata non avesse ricevuto la visita del nipote e non avesse deciso di “allungargli” una mancia per imbattersi così nell’amara sorpresa.
Risultato: il denaro, a detta della Banca d’Italia, non è più utilizzabile, ma potrà essere rimborsato. Gli operatori di Aamps sono stati chiamati per un intervento di derattizzazione nell’appartamento e per disinfettare le banconote, che saranno consegnate agli uffici della Banca d’Italia per favorire lo scambio con nuova valuta per l’importo complessivo di 560 euro.

Fonte Il Tirreno
A.L.