Expo 2015, indagato per corruzione il commissario alle infrastrutture

EXPO 2015.Posa della prima pietra al cantiere  di Rho FieraMilano, 17 settembre 2014 – Antonio Acerbo, commissario delegato alle infrastrutture per Expo 2015 nonchè responsabile per le vie d’acqua e responsabile unico per il Padiglione d’Italia, risulta iscritto nel registro degli indagati aperto dalla procura di Milano in uno dei filoni di inchiesta di Expo 2015.

Le ipotesi di reato contestate nei suoi confronti dai pm Claudio Gittardi e Antonio D’Alessio, sono quelle di corruzione e turbativa d’asta. Lo riferisce una nota della procura di Milano firmata dal procuratore capo Edmondo Bruti Liberati. È soprattutto il progetto sulle vie d’acqua ad essere finito nel mirino della procura che ha disposto una serie di perquisizioni nell’abitazione e nell’ufficio di Acerbo. Ordinata anche la esibizione di fatti e documenti sul progetto delle vie d’acqua presso le società Expo Spa e Metropolitana milanese Spa.

TMNews
A.L.