Cartoni fuori dal cassonetto, 600 euro di multa a un commerciante

secchioÈ accaduto in via Roma: l’uomo accatastava abitualmente le scatole fuori dal contenitore: gli ispettori ambientali dell’Aamps sono intervenuti su segnalazione di alcuni cittadini e poi hanno trasmesso gli atti alla polizia municipale che ha deciso la sanzione

LIVORNO, 19 Sett. – . Prima riempiva il cassonetto, poi, considerandolo con una capienza insufficiente rispetto alle necessità esclusive, accatastava il materiale con perizia a ridosso dello stesso. Alla vista degli ispettori ambientali che lo esortavano a fornire spiegazioni ha languidamente dichiarato: “Non lo sapevo. Credevo si potesse fare”. Una giustificazione poco credibile – si legge in una nota di Aamps – tenuto conto che l’azienda realizza un servizio di ritiro dedicato e i contenitori stradali evidenziano il divieto a disfarsi dei rifiuti con questa modalità (come evidenzia la foto che alleghiamo).
L’episodio è accaduto nei giorni scorsi a due passi dal centro. Individuato dagli abitanti della zona ad abbandonare quotidianamente numerose scatole di cartoni in strada, un commerciante è stato colto in flagranza di reato e ora dovrà pagare una multa salata: ben 600 euro. La polizia municipale, infatti, dopo aver registrato la segnalazione degli ispettori ambientali ha avviato l’iter per procedere nei confronti dell’esercente che non ha mostrato di avere una grande attenzione per il decoro del centro cittadino. Tra l’altro le numerose lamentele dei cittadini, pervenute attraverso la app e il sito internet di Aamps (www.aamps.livorno.it) e supportate da immagini scattate sul posto, erano anche rivolte all’impossibilità di avvalersi di quei contenitori per gettare i rifiuti differenziati e della necessità di percorre altre decine di metri con i sacchetti in mano per raggiungere la postazione più vicina.

Fonte Il Tirreno

lc