La popolazione mondiale potrebbe raggiungere gli 11 miliardi nel 2100

follaLa popolazione mondiale crescerà in maniera esponenziale nel prossimo secolo. Un rapporto pubblicato il 18 settembre mostra che c’è una probabilità del 70 per cento che il numero di persone sul pianeta passi dagli attuali 7 miliardi a 11 miliardi nel 2100.

Il rapporto smentisce altri studi precedenti che sostenevano che il picco sarebbe stato raggiunto nel 2050, con circa 9 miliardi di persone, e che poi la popolazione avrebbe cominciato a diminuire.

“Le proiezioni precedenti sostenevano che il problema della sovrappopolazione stava per essere superato”, ha detto Adrian Raftery dell’università di Washington, che ha guidato la squadra di ricercatori, al Guardian.

L’aumento della popolazione dovrebbe tornare a essere un tema importante del dibattito internazionale perché la sovrappopolazione può essere all’origine di molti problemi globali, sostengono i ricercatori. “La mancanza di assistenza sanitaria, la povertà, l’inquinamento e la criminalità sono tutti problemi legati alla forte crescita demografica”, ha dichiarato Raftery.

“Le politiche di controllo della popolazione sono state abbandonate negli ultimi anni. Se ne è parlato a malapena nelle discussioni sullo sviluppo sostenibile fatte dalle Nazioni Unite”, ha detto Simon Ross, dirigente di un think tank che si occupa della crescita demografica.

“Il significato del nuovo studio è quello di fornire maggiore chiarezza sulla questione. È molto probabile che la popolazione mondiale aumenterà del 40-75 per cento nei nei prossimi anni”, ha detto Ross.

L’Africa subsahariana è la regione con la più rapida crescita demografica del mondo, con una popolazione che passerà dal miliardo di oggi ai 3,5 o 5 miliardi nel 2100. Dall’inizio del 1980 i tassi di natalità sono diminuiti in molti paesi africani. Ma in paesi come la Nigeria, la nazione più popolosa del continente, il declino si è arrestato quando è stata raggiunta la media di sei figli per donna. Si prevede che la popolazione della Nigeria dovrebbe passare dai 200 milioni di oggi ai 900 milioni entro il 2100.

Fonte: Internazionale