Magazziniere infedele fermato con 17 chili di pinoli, arrestato

pinoliVado (SV), 20 settembre 2014 – E’ finito in manette tradito dai pinoli, ben 17 chili che stava portando via di nascosto dal magazzino della Noberasco di Vado. Nella celebre fiaba di Charles Perrault, Pollicino aveva ritrovato la strada di casa grazie ai sassolini bianchi lasciati lungo il cammino nel bosco, nella dura realtà sono stati i carabinieri a seguire il sentiero, una scia di pinoli che li ha portati dritti fino ad Andrea Coppola, 27 anni, dipendente della ditta che commercializza frutta secca in tutta Europa.

A finire nei guai è infatti uno dei capiturno del magazzino della Noberasco. I responsabili dell’azienda avevano notato i costanti ammanchi dai magazzini e dagli accertamenti era emerso che da almeno otto mesi sparivano diversi chili di frutta, soprattutto pinoli, per un valore pari a circa duemila euro alla settimana. Quantitativi che avrebbero potuto passare inosservati tra migliaia di tonnellate di merce, ma che non sono sfuggiti alla contabilità. Anche perché a scomparire erano soprattutto pinoli, che al dettaglio arrivano a costare anche oltre 70 euro al chilo.

Quindi è partita la segnalazione ai carabinieri della stazione di Vado, che hanno avviato le indagini. L’altra sera, alla fine del turno, Coppola è stato fermato appena uscito dal magazzino. I militari hanno chiesto che cosa stesse trasportando nel borsone che aveva a tracolla e il giovane dipendente ha cercato di spiegare che conteneva soltanto indumenti di ricambio.

Ma i carabinieri avevano notato che dal borsone, forse chiuso male, alcuni pinoli erano caduti lungo la strada. E a quel punto è bastato aprire la borsa per scoprire un carico trafugato di ben 17 chili di pinoli. Per Coppola sono quindi scattate le manette e giovedì mattina l’uomo ha patteggiato una condanna a quattro mesi di reclusione per furto aggravato, oltre ad una multa di un centinaio di euro.

Fonte il Secolo XIX
A.L.