Uomo tenta il suicidio e minaccia di far saltare in aria il palazzo col gas

115 vigili del fuocoQUALIANO (NA), 20 settembre 2014 – Tenta il suicidio e apre il gas in casa, sgomberato uno stabile: nove persone e il 54enne suicida messi in salvo dai carabinieri. È quanto successonella tarda serata di venerdì in via San Francesco a Patria, meglio nota come Circumvallazione esterna.

L’uomo, G.L. residente a Giugliano, dopo una lite familiare, si era barricato nell’appartamento situato in una palazzina di tre piani. In tutto una decina di persone. Di lì a poco si è propagato nell’aria l’odore del gas da una bombola. I residenti hanno allertato i carabinieri della Stazione di Qualiano e i colleghi della Compagnia di Giugliano, tutti diretti dal capitano Francesco Piroddi, che prontamente hanno circondato la zona ed evacuato lo stabile, allertando contestualmente i vigili del fuoco e il personale medico del 118.

Dopo aver sfondato il portoncino, i militari coi medici e i pompieri hanno messo in salvo l’uomo che seppur grave era ancora vivo. Immediatamente è stato portato all’ospedale San Giuliano di Giugliano dove è ricoverato in gravi condizioni ma – secondo i medici – non sarebbe in pericolo di vita. I militari in collaborazione con i vigili del fuoco hanno messo in sicurezza l’appartamento e avviato le indagini per risalire ai motivi dell’estremo gesto dell’uomo che, per puro caso e grazie alla telefonata al 112 fatta da un residente, si sarebbe potuta trasformare in una strage.

Tre i nuclei familiari residenti e presenti a quell’ora nello stabile. Nove le persone, tra anziani, donne e bambini, che al momento del folle gesto erano nelle proprie abitazioni dello stabile situato, peraltro, a pochi metri da un noto albergo e anche da un distributore di carburanti. Interrogati i parenti dell’uomo che avrebbero dichiarato ai militari che l’uomo avrebbe preso questa decisione per dissidi familiari.

di Mariano Fellico
Fonte il Mattino
A.L.