La crisi svuota le culle, nel 2013 nati 62mila bambini in meno

neonatoMeno figli a causa della crisi. La difficile condizione economica che stiamo vivendo scoraggia soprattutto i giovani fino a 34 anni a decidere di avere un bambino. Nel 2013 in Italia si è registrata una riduzione delle nascite del 3,7% rispetto all’anno precedente, con un calo del tasso di natalità da 9 a 8,5 nati per mille abitanti. Dall’inizio della crisi a oggi sono più di 62.000 i nati in meno all’anno, secondo i dati della ricerca del Censis ‘Diventare genitori oggi. Indagine sulla fertilità/infertilità in Italia’, realizzata in collaborazione con la Fondazione Ibsa e presentata oggi a Roma.

Siamo passati – indicano le rilevazioni del Censis – dai 576.659 bambini del 2008 ai 514.308 del 2013: mai così pochi nella storia d’Italia (le serie storiche ufficiali partono dal 1862), nonostante l’aumento nel tempo della popolazione, i progressi della medicina e il contributo degli immigrati residenti. E tra gli italiani c’è una diffusa consapevolezza sul problema di denatalità che affligge il Paese: l’88% sa che oggi si fanno pochi figli. Il fenomeno viene spiegato soprattutto con motivi economici. Per l’83% la crisi rende più difficile la scelta di avere un figlio. E la percentuale supera il 90% tra i giovani fino a 34 anni, cioè le persone che subiscono maggiormente l’impatto della crisi e allo stesso tempo sono maggiormente coinvolte nella decisione della procreazione.

L’insufficienza delle politiche pubbliche a sostegno della famiglia – Il 61% degli italiani, però, è convinto che le coppie sarebbero più propense ad avere figli se migliorassero gli interventi pubblici. Sgravi fiscali e aiuti economici diretti sono le principali richieste (71%), il 67% segnala l’esigenza di potenziare gli asili nido, il 56% fa riferimento ad aiuti pubblici per sostenere i costi per l’educazione dei figli (rette scolastiche, servizi di mensa o di trasporto).

“Il fatto che il 2013 è l’anno in cui si sono fatti meno figli in Italia, compresi gli anni delle guerre, nonostante nel tempo sia aumentata la popolazione e il numero di immigrati, e nonostante i progressi medici e l’allungamento dell’aspettativa di vita, dovrebbe farci riflettere sugli effetti profondi che il perdurante stato di crisi sta producendo sul vissuto reale dell’Italia di oggi e del futuro”, commenta Giuseppe Zizzo, segretario della Fondazione Ibsa.

Famiglia tradizionale non più unico modello per italiani – La famiglia ‘classica’ non è più l’unico modello per gli italiani. Sono ormai tanti i connazionali che ammettono la possibilità di avere figli anche al di fuori della coppia eterosessuale tradizionale. Per il 46% è legittimo per i single, per il 29% è giusto anche per le coppie omosessuali. E in questo giudizio la fede religiosa ha un’influenza limitata: è d’accordo il 43% dei cattolici praticanti nel primo caso e il 23% nel secondo. Lo indicano i dati della ricerca del Censis ‘Diventare genitori oggi. Indagine sulla fertilità/infertilità in Italia’, realizzata in collaborazione con la Fondazione Ibsa e presentata oggi a Roma.

Poco informati su infertilità oltre metà italiani – Il 45% ammette di saperne poco e un ulteriore 15% afferma di non essere per nulla informato. Tra chi invece dichiara di conoscere il problema (40%), il 16% è stato coinvolto in maniera diretta, perché la questione ha riguardato una persona vicina (9%) oppure direttamente lui o il partner (7%). Forti incertezze si registrano sulle possibili cause dell’infertilità. E’ quanto emerge dalla ricerca del Censis ‘Diventare genitori oggi. Indagine sulla fertilità/infertilità in Italia’, realizzata in collaborazione con la Fondazione Ibsa e presentata oggi a Roma.

La metà degli intervistati sa che non esiste una prevalenza di cause maschili o femminili, ma il 33% ritiene che nella maggior parte dei casi l’infertilità sia legata alla presenza di problemi in entrambi i partner. Tra le cause, la più citata è quella più generica: lo stress (31%). Seguono quelle che riguardano le donne: problemi o anomalie strutturali (21%), problemi ormonali e ovulatori (15%). L’11% cita genericamente problemi che riguardano l’uomo e il 6% difetti del liquido seminale. Ma il 23% non è in grado di fornire nessuna risposta.

Nell’immaginario collettivo degli italiani il professionista d’elezione a cui rivolgersi per affrontare i problemi di infertilità rimane il ginecologo, citato dal 63% del campione, mentre solo il 3% segnala l’andrologo o l’urologo. Più elevata è la quota di intervistati che ritengono che gli italiani siano poco o per nulla informati sulle metodiche per la procreazione medicalmente assistita (81%).

Nel concreto, poi, le coppie con problemi di infertilità devono affrontare non poche difficoltà, tra le quali oggi sono ritenute prevalenti quelle economiche (67%), un ostacolo condiviso con le coppie senza problemi che vogliono un figlio. Per l’80% del campione la crisi è un deterrente specifico anche per le coppie che devono ricorrere alla procreazione medicalmente assistita.

Ma ci sono difficoltà sul piano della mancanza di informazioni – perché spesso non si sa a chi rivolgersi (42%) – che si accompagnano alle difficoltà emotive (42%), come ad esempio la chiusura in se stessi rispetto a un problema che rimane ancora difficile da comunicare e condividere.

Su eterologa italiani divisi, 4 su 10 favorevoli – Italiani divisi sulla procreazione eterologa. Se infatti la maggioranza è largamente favorevole all’inseminazione omologa (l’85% a quella in vivo e il 73% a quella in vitro), le opinioni si dividono sulla fecondazione eterologa. E’ d’accordo con l’uso di gameti esterni alla coppia il 40% degli italiani, un dato che cambia se si considera l’orientamento religioso: nei cattolici praticanti la percentuale scende al 30%, mentre sale al 65% tra i non credenti. E’ quanto emerge da una ricerca del Censis – ‘Diventare genitori oggi. Indagine sulla fertilità/infertilità in Italia’ – realizzata in collaborazione con la Fondazione Ibsa e presentata oggi a Roma.

Secondo i dati, il 35% è favorevole alla diagnosi pre-impianto (il 29% tra i cattolici praticanti). Solo il 14% concorda con la possibilità di ricorrere all’utero in affitto. E appena il 9,5% è favorevole alla possibilità di scegliere in anticipo il sesso del nascituro. Inoltre, solo l’11% del campione afferma di sapere che in Italia esiste una legge che regola la materia. Una piccola percentuale ne dà un giudizio nel complesso negativo, soprattutto per l’applicazione differenziata sul territorio nazionale (ogni Regione si sta muovendo per conto proprio) e per le limitazioni poste alle coppie. La maggioranza ritiene che dovrebbe essere modificata.

Roma, 1 ottobre 2014
Adnkronos
A.L.