Strozzato dalla crisi, imprenditore si toglie la vita in un capannone

disperazioneLutto nel mondo del mobile e dell’arredo per la tragica morte di Ado Costantini, 67 anni, trovato senza vita ieri mattina, alle 10.30, in un capannone dismesso alle porte di Talmassons. L’uomo, nativo di Corno di Rosazzo e residente a Buttrio, era titolare della “Softline All Kit”, realtà attiva nella zona produttiva di Lauzacco di Pavia di Udine che, negli ultimi periodi, a causa della recessione, pare non versasse nelle migliori condizioni economiche.

Pare siano state proprio le difficoltà dell’azienda a spingerlo a compiere il tragico gesto. Ma i carabinieri non hanno trovato nessun messaggio di addio che spiegasse tale gesto. L’uomo, già in lutto per la perdita del padre Arduino, che risale al 4 settembre scorso, era sparito nella mattinata di lunedì. I familiari, la moglie e i due figli, hanno dato l’allarme, attivando la macchina dei soccorsi. Per rintracciare il 67enne sono scesi in campo i carabinieri della stazione di Manzano, che hanno raccolto la denuncia di scomparsa e quelli della stazione di Mortegliano, supportati dalla polizia locale del servizio associato dei Comuni di Talmassons e Mortegliano.

Udine, 1 ottobre 2014
Fonte Il Gazzettino
A.L.