Vignali ‘sfila’ in aula: «Presa a schiaffi perché troppo bella»

valentina-vignali-valentina-vignali-sexyLEI, la bella. L’altra, la invidiosa. Un paio di insulti di troppo, qualche sguardo torvo, ma Valentina Viola Vignali pensava fosse finita lì. E invece «dopo avermi spintonata e offesa, mi hanno preso a calci e schiaffi». Un episodio sul quale la showgirl riminese, diventata famosa per aver posato su Playboy (FOTO) e ora tornata in tivù (su SporItalia) a condurre un programma dedicato alla pallacanestro, non ha alcuna intenzione di chiudere un occhio.

Anche se il processo, che ieri ha costretto Valentina a tornare a Rimini per una nuova udienza (davanti al giudice di pace) andrà ancora per le lunghe. «Ma io non mollo, parteciperò a tutte le udienze. Non posso tollerare che una persona come me, solo perché fa la modella, venga insultata in questo modo e non abbia la possibilità di uscire di casa tranquilla». I fatti risalgono al 25 marzo 2012. Valentina è già piuttosto famosa all’epoca. Anche se non ha ancora posato per Playboy, è già stata in tv su La7 e ha fatto anche la corteggiatrice a Uomini e donne. Tra una partita di pallacanestro e l’altra, la cestista-showgirl colleziona esperienza da modella, comparsa e ragazza immagine. Ed è proprio come ragazza immagine che quella sera del marzo 2012 si trova a lavorare in una nota discoteca di Riccione. A un certo punto, mentre è al bancone, viene spintonata da una ragazza.

Lì per lì non reagisce, ma l’altra continua e quando la Vignali le dice qualcosa si prende gli insulti dalla giovane, che la modella conosce di vista perché è di Riccione. «Non vali niente, sei solo una modella del c…». le urla l’altra. La cosa sembra finire lì, ma un paio d’ore dopo la Vignali, stavolta insieme a un amico nel giardino della discoteca, si trova di nuovo faccia a faccia con la ragazza, che la affronta spalleggiata da un gruppo di amici. Volano ancora insulti verso la Vignali, e non solo quelli: un’amica della ragazza le si avvicina e la colpisce, prima al volto con uno schiaffo poi con un calcio.

L’amico di Valentina interviene per difenderla, e il giorno dopo lei va a farsi medicare al pronto soccorso (le danno dieci giorni di prognosi) e a raccontare l’episodio ai carabinieri. Le due ragazze protagoniste dell’aggressione vengono denunciate per ingiurie e lesioni volontarie, e si apre il processo a Rimini. Ieri la Vignali, difesa dall’avvocato Valentina Baroni, doveva essere interrogata, ma una delle due ragazze che l’hanno aggredita ha mandato un certificato medico dicendo di non poter partecipare. E’ stato tutto rinviato a gennaio. «Mi hanno fatto perdere un giorno di lavoro, non ho potuto essere in studio a condurre il programma — mastica amaro la Vignali — Ma non mollo: andrò avanti fino in fondo a questa vicenda».

di Manuel Spadazzi
Rimini, 1 ottobre 2014
Fonte il Resto del Carlino
A.L.