Dopo 16 anni finalmente una casa popolare, scoppia la rivolta degli esclusi: “Prima noi poi gli stranieri”

San-Paolo-Bari-2Dopo 16 anni di attesa hanno coronato un sogno: avere una casa popolare. Sono 15 gli alloggi consegnati stamane a Bari in via Ferrara 2 al quartiere San Paolo dove però è andata in scena la protesta dei residenti. Una cerimonia non senza problemi, con le famiglie escluse assiepate a manifestare contro l’assegnazione degli alloggi, e fermate dai carabinieri e dalla polizia municipale.
La rabbia si è scatenata anche contro una cittadina eritra: “Prima noi e poi gli stranieri”, hanno urlato i residenti del San Paolo. I momenti di confusione registrati durante la cerimonia di consegna da parte del sindaco Antonio Decaro hanno convinto le forze dell’ordine a presidiare la palazzina per 48 ore, per evitare che le tensioni sociali esplodano in violenza.

Il sindaco Decaro ha consegnato le chiavi delle case alle famiglie. Nella palazzina abiteranno anche 4 disabili, risultati idonei sulla base delle graduatorie. Intere famiglie emozionate e con figli al seguito hanno potuto così provare l’emozione di avere una casa vera. “Prima – racconta la famiglia Marino – abitavamo in 27 metri quadri”.

di FRANCESCO PETRUZZELLI
Bari, 2 ottobre 2014
Fonte Repubblica
A.L.