Sequestrato in casa e minacciato di morte dai finti poliziotti

ambulanzaVestiti da poliziotti e armati hanno sequestrato un uomo nella sua casa e lo hanno rapinato. I finti poliziotti hanno portato con sé un bottino da 45mila euro tra gioielli, orologi e oggetti d’oro. La vittima è un commerciante che vive a Montagnola a Roma la mattina del 2 ottobre.

Marco De Risi sul Messaggero scrive:
“L’ennesimo “raid” dei falsi agenti che si spacciano per rappresentanti delle forze dell’ordine è avvenuto poco prima delle dieci di ieri mattina in uno stabile di piazzale Roberto Ardigò nel quartiere delimitato dalla Laurentina e dalla Cristoforo Colombo”.

L’uomo ha raccontato agli investigatori:
“«Ho visto alla porta una persona che mi mostrava un tesserino e ha detto di essere un poliziotto, mi ha pregato di farlo entrare, diceva che era lì per accertamenti. Non ho nulla da temere e, quindi, ho aperto. A quel punto si sono materializzati in due. Sono stati violenti mi hanno spinto e uno dei due mi ha poggiato sulla testa la canna di una pistola. Poi mi hanno chiesto dov’era la cassaforte»”.

L’uomo racconta i momenti terribili:
“«Sono stato preso dal panico. Tremavo e ho fatto fatica a ricordarmi la combinazione. Loro, intanto, mi ripetevano che mi avrebbero ammazzato»”.
Aperta la cassaforte, i rapinatori hanno preso quello che potevano, fuggendo con il bottino:
“Prima di fuggire hanno portato via al commerciante anche il cellulare e l’hanno rinchiuso a chiave nel bagno. Solo una ventina di minuti dopo, la vittima si è liberata e ha chiamato i soccorsi. Sul posto sono giunte pattuglie delle forze dell’ordine e anche un’ambulanza del 118. Il medico si è assicurato che il negoziante stesse bene: per lui solo un forte spavento. Nel giro di poche settimane i falsi agenti di polizia hanno messo a segno cinque rapine, ma non è escluso che i colpi siano di più. Secondo gli investigatori i rapinatori sarebbero due italiani”.

Roma, 3 ottobre 2014
Fonte Blitzquotidiano
A.L.