Sequestra l’amica del cuore e la violenta: incastrato dal “selfie-movie”

donna violenza disperazione disperata picchiata abusoViolenta l’amica del cuore e si filma insieme a lei (una sorta di selfie movie) mentre la stupra. Sotto processo ad Ancona. Sequestro di persona, violenza sessuale e lesioni personali aggravate le accuse per cui il 12 novembre prossimo sarà giudicato, con rito immediato, un trentaduenne di Castelbellino arrestato nel marzo scorso. Secondo il pm Mariangela Farneti, il 18 marzo l’uomo costrinse un’amica di 23 anni, con cui aveva trascorso la giornata, a subire rapporti sessuali in auto e a casa sua. Violanza filmata con un telefonino, poi sequestrato dai carabinieri.

La ragazza riuscì a chiedere aiuto con un sms, e i carabinieri la liberarono. L’imputato, difeso dagli avvocati Cinzia Molinaro e Giancarlo Viti, afferma invece che i rapporti sessuali sarebbero stati consenzienti. Da poche settimane all’indagato sono stati concessi gli arresti domiciliari. La giovane si costituirà parte civile.

Il 18 marzo il giovane aveva trascorso buona parte della giornata con la sua vittima. Lui riteneva in qualche modo di essere suo “fidanzato”, per lei era un semplice amico che faceva parte della sua stessa comitiva. I due avevano mangiato una pizza in auto, poi il giovane aveva fatto delle avances alla 23 enne, che le aveva respinte. Così si è scatenata l’escalation di sesso e soprusi.

Ancona, 7 ottobre 2014
Fonte Il Messaggero
A.L.