Truffa dello specchietto, arrestato in flagranza grazie alla segnalazione di un passante

carabinieri carabiniereLanciava biglie di vetro e acciaio contro le auto per farle fermare e operare la cosiddetta “truffa dello specchietto” ma alla fine l’uomo è stato arrestato. E’ infatti stato riconosciuto in strada a Meda da una ex vittima, che rivedendo una scena analoga a quella da lui vissuta ha chiamato il 112.

Si tratta di un 40enne originario della Sicilia e senza fissa dimora, arrestato in flagranza per tentata truffa aggravata. Quando i carabinieri sono arrivati, il truffatore stava riuscendo ad estorcere denaro ad un 61enne, dopo averlo convinto di essere responsabile di averlo ‘toccato’ con la macchina, danneggiandogli lo specchietto. A bordo del suo mezzo, nascoste in una portiera, i militari hanno trovato 86 biglie in vetro e 49 biglie in acciaio.

Monza, 15 ottobre 2014

Il Giorno

LCSO